Proposta di lettura

Iscriviti alla newsletter
per ricevere le recensioni

Scopri il nostro archivio
con tutte le recensioni

Elizabeth Strout, Lucy davanti al mare, Einaudi (2024)

Come già nei precedenti romanzi che vedono protagonista Lucy Barton (Mi chiamo Lucy Barton, Tutto è possibile, Oh William!), anche in questo quarto episodio troviamo un racconto in prima persona e uno stile fresco, diretto e colloquiale. E ritroviamo anche un modo unico di esprimere stati d’animo, emozioni, relazioni, comprensioni improvvise e folgoranti riguardo se stessi, gli altri e la società. La prosa di Strout è di una semplicità luminosa. Aderisce al vissuto, racconta la realtà a partire dalle percezioni di Lucy, ma non si limita a riprodurle. Tra le sue mani, la vita quotidiana torna a risplendere in tutta la sua ricchezza e complessità, ogni vicenda è riempita di senso e i personaggi, non importa se di primo o secondo piano, appaiono dotati di spessore e profondità.

Il romanzo è la continuazione naturale di Oh William!, che viene brevemente riassunto nelle righe iniziali, offrendo le coordinate necessarie anche a chi non ha letto o non ricorda i fatti antecedenti. Adesso siamo nel marzo del 2020. Alle prime avvisaglie della pandemia di Covid negli Stati Uniti, William convince Lucy a lasciare in fretta e furia New York e a trasferirsi con lui in una casa che ha affittato nel Maine. William è uno scienziato ed è stato il primo marito di Lucy, insieme hanno avuto due figlie ormai adulte e sposate, e, nonostante i molti tradimenti di lui, gli ex-coniugi hanno mantenuto un rapporto cordiale che è andato rinserrandosi negli ultimi tempi, quando, per motivi diversi, i loro successivi matrimoni sono terminati. Lucy non capisce l’allarme di William, tuttavia lo segue in un altro Stato e accetta di condividere un’abitazione già ammobiliata sulla costa oceanica, circondata da nient’altro che aria, cielo e acqua. Fa freddo, i colori sono lividi, la casa è isolata e deprimente e Lucy è a disagio, spaesata, sopraffatta dal senso di solitudine e dalle difficoltà di adattarsi di nuovo a William; vorrebbe tornare nei luoghi che sente suoi, a cominciare dall’appartamento dove ha vissuto con il secondo, amatissimo marito, di cui è vedova da poco più di un anno. Le basteranno però pochi giorni per afferrare la gravità della situazione; le notizie che arrivano da New York sono sconvolgenti: gli ospedali sovraccarichi, i numerosissimi morti, la chiusura totale di ogni spazio pubblico, le rigide misure di contenimento. Tutto è così sconcertante da sembrarle al contempo vero e irreale. Insieme alla tristezza e alla preoccupazione, si fa però strada il sollievo di essere al sicuro. Anche con William la confidenza man mano si rinsalda. Malgrado i suoi difetti, lui è rassicurante e generoso. Si prende cura di Lucy, aiutandola a sciogliere i sovraccarichi emotivi, gli ingorghi dell’anima. Intanto si getta con entusiasmo in nuove occupazioni e si avvicina a parenti con cui non aveva mai avuto contatti; dal canto suo, Lucy stringe alcuni legami, a cominciare da quello con Bob, il personaggio di un altro bel romanzo di Strout, I ragazzi Burgess. Queste due figure nate dalla stessa fantasia e che già altrove si erano sfiorate, qui scoprono di essere in sintonia. Le unisce la mitezza, l’attitudine empatica, la sofferenza che hanno attraversato e che si riverbera nel presente, popolando di ombre la loro interiorità.

Molte cose avvengono durante l’anno in cui si svolge il racconto, a dispetto dell’immobilità a cui il virus costringe tutti, e molte sono le relazioni che si allacciano nonostante il distanziamento sociale. Importanti cambiamenti investono i personaggi, a cominciare dalla stessa Lucy. Mentre le stagioni si susseguono, accendendo la natura di colori diversi, piccole e improvvise epifanie rendono intellegibili i comportamenti propri e altrui. Lucy è una scrittrice e sa registrare i più minuti cambiamenti dei suoi stati d’animo, ma sa anche uscire da sé per mettersi nei panni degli altri; è questo potere di immedesimazione a consentirle di inventare personaggi che toccano l’animo dei suoi numerosi lettori. Oltre a cogliere ciò che avviene dentro di lei e che determina le sue azioni e reazioni, percepisce la fragilità e la solitudine degli altri, il malessere e il bisogno di rivalsa, l’insofferenza e l’infelicità. Partendo dalle sue esperienze, spesso condensate in ricordi puntuali (l’elemento aneddotico del romanzo), Lucy è in grado di comprendere anche chi è ideologicamente molto distante da lei, in questa America contemporanea sempre più divisa sul piano sociale e politico. Questa comprensione non sfocia nella giustificazione degli atteggiamenti tracotanti o negazionisti, ma neppure nel pessimismo, perché Lucy si rende conto che ciò che porta alcuni verso il cinismo, la piccineria o la violenza può anche generare compassione e generosità.

Come ho già detto in altre segnalazioni dei libri di Strout, mi colpisce l’abilità nel coniugare leggerezza e profondità, nel far convivere l’osservazione attenta del mondo circostante e una narrazione centrata su un solo Io. In poche righe e semplici immagini si condensano intuizioni profonde riguardo ai singoli e al contesto sociale, individuandone le difficoltà e le tensioni. Tuttavia, non viene mai meno un tenue ottimismo, nutrito dalla visione della sollecitudine reciproca, dei legami che uniscono gli individui, anche se i loro mondi non possono mai coincidere del tutto. Ogni cambiamento genera nuove possibilità e ovunque si trova apertura e luce.

Francesca